Logo UPO, Università del Piemonte Orientale
Main content
Argomento
Vita da UPO

Una lezione di Politica Economica con Daniele Franco

Una grande opportunità per gli studenti che hanno potuto rivisitare la politica economica con uno dei suoi protagonisti nell’ultimo decennio.

Di Stefano Boda

Data di pubblicazione

Lezione di Daniele Franco
da sin. a ds.: Daniele Franco e Martin Zagler

credits © Giorgio Sambarino

Mercoledì 10 maggio il Dipartimento di Studi per l'Economia e l'Impresa ha ospitato il dott. Daniele Franco, già Ministro dell’Economia e delle Finanze del governo Draghi, per tenere una lezione nell’ambito dell’insegnamento di Politica Economica del corso di laurea triennale in Economia Aziendale.

È stata una grande opportunità per gli studenti che hanno potuto rivisitare la politica economica con uno dei suoi protagonisti nell’ultimo decennio. Daniele Franco, infatti, è stato Ragioniere generale dello stato dal maggio 2013 al maggio 2019, Vicedirettore della Banca d’Italia da maggio a dicembre 2019, Direttore generale della Banca d’Italia da gennaio 2020 a febbraio 2021 e Ministro dell’Economia e delle Finanze da febbraio 2021 a ottobre 2022. In questi suoi diversi ruoli ha avuto modo di incidere sulle decisioni sia di politica fiscale sia di politica monetaria recenti.

Nella sua lezione Daniele Franco non si è limitato a ragionare sugli avvenimenti passati, ma ha discusso le sfide che si presenteranno a livello mondiale e quelle più specifiche con cui dovrà confrontarsi il nostro Paese.

La lezione è iniziata con l’analisi del Trilemma per le banche centrali, ovvero la possibilità di conseguire contemporaneamente solo due dei tre principali obiettivi della politica economica: bassa inflazione, crescita elevata e stabilità finanziaria. Daniele Franco si è inoltre soffermato sugli effetti dei cambiamenti climatici, della transizione ecologica e digitale, insistendo anche sul potenziale impatto della crisi demografica nei paesi a elevato debito pubblico come il nostro.

Con riferimento all’Italia, Daniele Franco ha evidenziato la bassa crescita, che ha caratterizzato l’evoluzione del PIL nell’ultimo ventennio, imputabile a ridotti investimenti, una produttività stagnante, con bassi tassi di occupazione e flussi migratori che portano molti giovani a preferire l’estero. Il relatore ha anche dedicato una serie di riflessioni a due shock importanti degli ultimi anni, la pandemia e la crisi energetica, analizzandone i riflessi a livello interno e internazionale.

Nonostante le enormi sfide, Daniele Franco vede la luce in fondo al tunnel. Di recente, l’Italia cresce a ritmi più elevati degli altri paesi europei, grazie a una ripresa dell’occupazione, degli investimenti e delle esportazioni. Ha inoltre osservato che il debito pubblico sta scendendo, aprendo così qualche spazio di manovra alla politica economica italiana.

Fotogallery
Lezione di Daniele Franco al DISEI

GIO_7617.jpg Lezione di Daniele Franco al DISEI © Giorgio Sambarino

    Ultima modifica 12 Maggio 2023

    Leggi anche

    Il professor Diego Cotella e gli studenti del progetto "Free Mover" al congresso Curious2024

    Il 10 e l'11 luglio 2024 Diego Cotella, professore associato di Biologia applicata presso l'Università del Piemonte Orientale, ha accompagnato un gruppo di studentesse e studenti del primo anno del corso di laurea triennale in Biotecnologie al congresso "Curious2024" a Mainz, in Germania. La partecipazione è avvenuta nell'ambito del programma di mobilità internazionale Free Mover.

    Argomento
    Vita da UPO

    Data di pubblicazione 16 Luglio 2024

    UPO Free Movers 2024

    Si è svolto alla Pinacoteca di Varallo il Laboratorio di riconoscimento, schedatura e catalogazione delle opere d’arte

    Condotto da Patrizia Zambrano e da Paola Angeleri, direttrice della Pinacoteca, il laboratorio ha permesso a 4 studentesse e uno studente del DISUM di entrare in diretto contatto con le opere d’arte e di verificare le conoscenze acquisite a lezione.

    Argomento
    Vita da UPO

    Data di pubblicazione 18 Giugno 2024

    Laboratorio di riconoscimento, schedatura e catalogazione delle opere d’arte