Logo UPO, Università del Piemonte Orientale
Main content
Argomento
Vita da UPO

400 ore di lavoro e una tradizione secolare per un simbolo accademico prezioso e più sostenibile

Addio cappa di pelliccia. L’Inaugurazione dell’anno accademico celebrata il 16 gennaio 2024 ha segnato, per l’UPO, la fine di una consuetudine ancora molto diffusa in ambito accademico, grazie a una scelta che valorizza la tradizione secolare del Puncetto Valsesiano e l’abilità delle sarte della Società Operaia di Mutuo Soccorso di Varallo. «La sostenibilità – ha detto il Rettore Gian Carlo Avanzi – si raggiunge anche attraverso la rivisitazione dei nostri simboli.»

Di Leonardo D'Amico

Data di pubblicazione

_DSC7105.jpg
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il Rettore Gian Carlo Avanzi

credits © UPO/DonatelloLorenzo

La cappa – fatta di pelliccia di ermellino o di altri animali – è tra i simboli maggiormente legati all’immagine cerimoniale delle rettrici e dei rettori delle università italiane. Lo è stato anche per l’Università del Piemonte Orientale fino a tempi molto recenti ma lo scorso 16 gennaio 2024 – durante la cerimonia di Inaugurazione del XXVI anno accademico celebrata a Vercelli di fronte al Capo dello Stato e ai Ministri dell’Università e della Pubblica Amministrazione – anche UPO ha definitivamente voltato pagina. Il Rettore Gian Carlo Avanzi, infatti, ha indossato una cappa interamente in tessuto di lino e seta impreziosita da una lavorazione sartoriale artigianale che ha le sue radici nella Valsesia del Seicento e che sopravvive grazie alle mani sapienti delle sarte che a Varallo ne mantengono in vita la tradizione.

Il Puncetto Valsesiano è un merletto ad ago composto da nodi serrati in successione che creano un’alternanza di parti piene e spazi vuoti. Si tratta di una manifattura eseguita con pazienza esclusivamente a mano, ago e filo, senza l’ausilio di altri utensili o supporti di lavoro. Non è possibile datare con precisione la nascita di questa manifattura, tuttavia è certo che l’affinamento della sua tecnica nel corso dei secoli è opera delle donne valsesiane. Il primo documento che lo cita, e di cui si è a conoscenza, è un atto notarile di una dote del 1685, dove viene annoverato come ponchietto. Diverse opere iconografiche di quel periodo e successive raffigurano la Madonna che lavora al Puncetto – una statua al Sacro Monte di Varallo e una tela a Borgosesia – e ritratti di donne valsesiane in abito tradizionale impegnate in questa produzione.

Nel XIX secolo il puncetto veniva utilizzato anche come guarnizione per la biancheria di casa, per camicie e grembiuli, o come elemento di pregio degli abiti tradizionali valsesiani, divenendo valore identitario, elemento distintivo della località di provenienza e stato civile, ornamento sia negli abiti festivi sia in quelli da lavoro.

La tecnica di realizzazione, ancora oggi patrimonio quasi esclusivo delle donne valsesiane, veniva tramandata solo verbalmente e in ambiti parentali o di piccole comunità, mentre ora il Puncetto Valsesiano, sempre ben radicato in valle, ha gradualmente iniziato a farsi conoscere anche fuori dalla Valsesia. Per la salvaguardia di questo “saper fare”, negli anni ’80 si è provveduto alla registrazione di un Marchio del “Puncetto Valsesiano” e sono nati corsi per l’insegnamento aperti a tutti. La Società Operaia di Mutuo Soccorso (SOMS) di Varallo è l’associazione che, in collaborazione agli enti territoriali, ha tra i suoi scopi sociali le attività di promozione, didattica e valorizzazione dell’artigianato valsesiano e soprattutto del Puncetto.

A fine 2023 le insegnanti iscritte alla SOMS e una allieva particolarmente esperta hanno accolto, nonostante i tempi strettissimi, l’importante incarico di confezionare un manufatto che andasse ad arricchire la cappa del Magnifico Rettore. Le artigiane hanno dunque deciso di operare a più mani su un disegno a stella formato da circa 120 elementi a ornamento dell’intera circonferenza della cappa. In tutto ci sono volute 400 ore di lavoro per completare il manufatto. I puncetti sono stati eseguiti da Monica Astolfi, Daniela Avondo, Piera Beretta, Cristina Cantoni, Michela Dealberto, Paola Scarrone e Angela Stefanutto. Una volta uniti sono stati applicati alla cappa proprio da quest’ultima.

«Questa realizzazione – sottolinea la SOMS – rappresenta il risultato di un impegno corale. Oggi, proprio come un tempo, esso rappresenta un simbolo di identità territoriale, omaggio alla creatività, all’operosità e al “saper fare” delle donne Valsesiane. Il tutto solo con un ago e un filo.»

Il 1° febbraio 2024, presso il suo studio in Rettorato a Vercelli, il rettore Gian Carlo Avanzi ha voluto incontrare una delegazione della SOMS, formata dalla presidente Ornella Marchi e dalle maestre puncettaie Paola Scarrone e Angela Stefanutto, per sottolineare la gratitudine dell’Ateneo e rinnovare l’apprezzamento per questa lavorazione tradizionale che grazie a questa collaborazione diviene parte della storia UPO.

 

Fotogallery
La delegazione SOMS con il Rettore Gian Carlo AvanziCappa del RettoreInaugurazione 2023 2024Inaugurazione 2023 2024Inaugurazione 2023 2024

    Ultima modifica 6 Febbraio 2024

    Leggi anche

    Musica nelle città 2024, conclusa la rassegna con la partecipazione dell'UPO

    Si è conclusa la rassegna "Musica nelle città 2024". La proposta concertistica del Conservatorio "A. Vivaldi" di Alessandria realizzata in collaborazione con il Dipartimento di Studi umanistici dell’Università del Piemonte Orientale che ha unito il grande repertorio musicale classico (Mozart, Beethoven, Schubert, Strauss) a lezioni tematiche tenute dalle professoresse e dai professori dell'UPO. Un viaggio virtuale per l'Europa tra letteratura e musica che, nell'edizione 2024, ha portato gli spettatori a Vienna.

    Argomento
    Vita da UPO

    Data di pubblicazione 13 Maggio 2024

    Musica nelle città 2024

    Torna Science Slam: al via l'edizione 2024

    Parte la terza edizione del festival UPO di divulgazione scientifica, dove i partecipanti dovranno raccontare con creatività e in modo semplice quello di cui si occupano nei laboratori di ricerca. Iscrizioni aperte online fino al 31 maggio 2024.

    Argomento
    Vita da UPO

    Data di pubblicazione 23 Aprile 2024

    Science Slam 2023